Posted by on mar 16, 2007 in eventi centro giovani, musica | 0 comments

centro giovani monfalcone, 16-23-30 marzo 2007

“…IL ROCK,… È NECESSARIO…”, così dice Lucien Le Loin, che di rabbia, livore, argento vivo e fiero entusiasmo ne ha visti a pacchi.
Quindi, se il rock è necessario, allora bisogna farlo sentire. Come? Con un rock festival. Dove? Al centro giovani di monfalcone. Quando? 3 venerdì consecutivi, a partire dal 16 marzo, proseguendo il 23 e finendo il 30. Perché? Perché è necessario.
Perché si chiama così? Perché è un’idea di chris (cRiSbRaSiLe), fra gli ideatori e promotori del festival, incazzato nero con chi, nel “migliore” dei casi guardando di sguincio, emana e propaga pregiudizi verso chi non è “ben abbottonato o addomesticato”.
Ma farlo sentire, il rock, significa usufruire anche dei mezzi più appropriati che consentano una propagazione dello stesso, ed ecco perché compaiono due web radio della nostra regione, allineate alla filosofia dell’attenzione verso i gruppi emergenti o comunque verso espressioni artistiche “non addomesticate”. Quindi le web radio “La jazera” di Trieste e “The Great Complotto Radio” (vi ricorda qualcosa?) di Sacile – Pordenone.
Beh, poi si sa che il rock pretende, rivendica e ruggisce libertà, quindi ecco perché della squadra ci sono anche i ragazzi del Liberatorio d’Arte di Romans d’Isonzo, scaltri puledri dall’occhio lungo che oltre a disporre di contatti, sapienza e strumentazione, sapranno accompagnare ogni serata con interventi di dj/vj di Creeper & Zoso.
E poi c’è Banda Larga, che, oltre a gestire il Centro Giovani, per l’appunto si interessa a tutte quelle forme di espressione che volessero entrare nella sua frequenza d’onda, sempre assetata di complici. Per non rischiare di dimenticare qualcuno, qui di seguito li mettiamo tutti, quelli che daranno consistenza spavalda alle tre serate in questione.
Anzitutto quelli della  SQUADRA VOLANTE (punk-rock – moraro-gorizia):gruppo punk, gruppo punk-rock…non lo sanno e in fondo in fondo non gliene importa molto! Sono 5 ragazzi che suonano insieme da circa 2 anni cercando di divertirsi e condividere momenti. Hanno già suonato in svariati locali e festival della zona. Le loro canzoni parlano di esperienze personali, di vita quotidiana e sono dipinte di colori scuri e chiari, spenti e/o allegri. Melodie semplici ma di sicuro effetto. Hanno in programma la registrazione di un demo a breve termine. www.myspace.com/squadravolante.
Poi abbiamo gli ESCLUSI (punk – gorizia), formatisi nel febbraio del 2005, inizialmente con maja (chitarra), ema (voce), max (batteria), leo (basso). Dopo i primi concerti, il leo viene temporaneamente sostituito da stefano, che purtroppo non riesce a provare stabilmente col gruppo, e dopo qualche prova con gente che il basso l’ha visto solo in foto, ad ottobre prende posto FilippoLastButNotLeast. Dopo aver registrato una demo non pubblicata, con solo un paio di copie originali (ma che è in mano a tutti i kids de gorizia), arriva olly alla seconda chitarra. Nel periodo seguente (febbraio 2006) gli Esclusi suonano in vari concerti sempre nelle zona di Gorizia e provincia(Oslavia, Monfalcone, Gorizia, Pieris….). Gli Esclusi attualmente hanno inciso qualche pezzo per una demo che sarà pubblicata a breve. www.myspace.com/esclusi
Torniamo un attimo a monfalcone con gli URANYA (metal grunge – monfalcone), che si formano nel novembre del 2000 a Monfalcone(GO).Tutti i componenti della band hanno avuto precedenti esperienze in gruppi del circuito monfalconese e della bassa friulana. All’attivo hanno un promocd (autoprodotto) del 2003 ed abbastanza concerti alle spalle. La musica proposta è un’insieme di influenze che variano dal metal,alla psichedelica al grunge al pop ed ultimamente anche dall’elettronica. Nel 2005 c’è un cambio di formazione che vede l’ingresso di Roberto al basso ed Andrea alla chitarra mentre Francesco cambia il suo ruolo da chitarrista a cantante. A febbraio 2007 uscirà il secondo cd (autoprodotto) intitolato “New Day” contenente 9 canzoni e cantato interamente in inglese.Formazione attuale:Francesco Boico: voce, Roberto Sarcina: basso, Andrea Gallopin: chitarra, Matteo Paulin: tastiere, GianPietro Seravalle: batteria.www.myspace.com/uranyaweb
Ad aprire la seconda serata del festival (venerdì 23 marzo) ci saranno (bellissimo nome) I RACCONTI DI SOFIA (rock indefinito – monfalcone). Eccoli:L’idea di dare vita ai Racconti Di Sofia prende corpo nel Carnevale del 2006 a Monfalcone, grazie all’incontro tra Matteo (voce), Rocco (chitarra), Rik (basso) e Franz (batteria). Dopo aver composto insieme una decina di canzoni rock , il gruppo incomincia a suonare in giro con altri gruppi della provincia di Gorizia: dapprima ad un piccolissimo concerto organizzato nel campo di calcio della chiesa Marcelliana di Monfalcone; in seguito, ad una manifestazione contro il CPT di Gradisca d’Isonzo. Da settembre sono entrati a far parte dei Racconti altri due personaggi: Miro (tastiera) e Max (chitarra). Le canzoni ruotano attorno alla figura di Sofia, una bambina guerriera, simbolo della forza interiore infantile contro l’arroganza e la fragilità dell’uomo in questo mondo. Racconti di guerra, di morte… ma anche d’amore, di gioia, di sciocchezze, di speranza.
A seguire un gruppo totalmente al femminile ( mai scommettere sul carro di buoi…) di Udine:DEUXIÈME SEXE (indie alternative rock – udine), formazione composta da Francesca alla voce, Michela alla chitarra, Anna alla batteria e Maura al basso. Fresche e fruibili, propongono un genere indie/rock con qualche venatura presa in prestito dal punk alla Stooges (per intenderci) e da certa wave un pò Joy Division, ma meno angosciata. Il tutto amalgamato in modo personale, con la voce di Francesca che ricorda a tratti Courtney Love, a tratti Karen O degli ” Yeah Yeah Yeahs” e il basso di Maura in primo piano.www.myspace.com/deuxiemesexe
Vengono invece da Trieste i  TABULA RASA (hardcore – trieste), dieci anni fa spaccavano alla grande, nel più puro stile HC di quel periodo. Oggi Emiliano e Daniele (ex No Regrets) e Federico (ex Ars Moriendi) hanno trovato in Flavio la grinta giusta per dare voce al loro nuovo progetto…..Tabula Rasa!!! Gli ex alunni della vecchia scuola HC son tornati……..e mo’ so c…. vostri!
Ultima serata del festival: una doverosa rappresentanza del monfalconese con la band di uno dei guru del rock nostrano: Luca Sterle. Si tratta de LE CAROGNE (stoner – monfalcone). Le Carogne nascono nel 2006 dall’incontro di quattro “veterani” del rock monfalconese, alla voce c’è Luca già componente di una miriade di band ed ormai presenza fissa della scena bisiaca, attualmente la sua band principale è IL REBUS, alla chitarra c’è Gusto già bassista con gli hardcorers No Regrets e con gli Immagine Residua, al basso Emiliano che oltre che con varie band monfalconesi, per un periodo è stato pure bassista della storica band hardcore punk goriziana dei Warfare? (con i quali ha pure inciso un miniLp diviso con i Rasta & Peace Corporation), alla batteria troviamo Diego altro “uomo ovunque” del rock bisiaco, oggi oltre che con Le Carogne suona pure con gli Aprile Crudele, in passato ha suonato con Stone Dogs,  Mosquito Heads, Mahima, Rasta & Peace Corporation…..Il suono della band si rifà a gruppi storici come i Black Sabbath ed Iggy and the Stooges, ma pure alle band più “sporche” della scena grunge dei primi anni novanta.
Eccoci alla fine con gli O.S.D.S. (punk – gorizia).Gli O.S.D.S. nascono attorno al 2004 dall’amicizia tra Erik (chitarra, voce) e Monica (basso). In circa sei mesi mettono in piedi una scaletta di 8 pezzi e nel giugno 2004 fanno il loro debutto, dopo una settimana li vedremo dividere a Gorizia il palco con Lumpen e Los Fastidios.
Nel 2005 registrano la prima demo (OldSchoolDeadSchool), registrata in presa diretta nella loro sala prove, che viene recensita dalla rivista Punkster, dove ottiene ottimi giudizi. La demo gira molto in Slovenia dove la band è sempre stata accolta molto calorosamente, grazie all’energia dei live e di qualche canzone con il testo in sloveno, nei testi è spesso ricorrente il tema del confine, della loro terra,dei disagi in ex jugoslavia,tutte cose che riguardano da vicino il loro territorio. L’anno importante per la band è stato sicuramente il 2006, quando inizia a suonare regolarmente in tutta la Slovenia ed in Croazia, registrando il primo cd. Per scelta anche questo primo lavoro è stato totalmente autoprodotto e registrato in presa diretta senza nessun tipo di sovraincisione. Si tratta di un mini cd che contiene 4 pezzi con due cover, una è Guns Of Brixton dei Clash e una è Revolucija degli Scuffy Dogs (questa è in lingua slovena), i pezzi sono tutti abbastanza diversi tra loro, infatti le influenze del gruppo sono molto varie, si può spaziare dal rockabilly allo psycho, dal rock’n’roll al garage ma sempre restando con un unico punto fermo, il Punk! Il titolo del cd è “STARA GORICA BASTARDS”, Stara Gorica  in italiano vuol dire vecchia Gorizia, il modo in cui gli sloveni chiamano la città.
Nel 2006 la band ha avuto molte soddisfazioni, oltre ad una data assieme agli scozzesi OI POLLOI, al C.S.Volturno di Udine, sono stati gruppo spalla di TEXAS TERRI BOMB, ARGIES e KLASSE KRIMINALE . Il concerto di maggior spessore è stato al club MOSTOVNA in Slovenia dove suonano prima degli storici DEAD MOON (uno dei più grandi gruppi garage punk del pianeta), questo per loro è stato un notevole salto di qualità. E’ stata una grandissima sorpresa l’essere chiamati al M.E.I. (Meeting delle Etichette Indipendenti) di Faenza per uno show case dove lo staff di Punkadeka ha consegnato loro il premio come PUNK DEMO del 2006.www.myspace.com/osds.

In ultimo presentiamo le due radio amiche: LA JAZERA e THE GREAT COMPLOTTO RADIO.
In dialetto triestino jazera significa ghiacciaia ma in origine stava a significare un posto preciso, lo spazio delle tipiche finestre doppie di Trieste allargato da una intelaiatura di vetro e legno, così che la parte esterna sporgesse fuori dal muro a creare un semplice frigo naturale. Ancora oggi su alcuni palazzi di cittavecchia, alzando gli occhi, si possono ammirare questi piccoli prodigi architettonici estremamente funzionali, economici e del tutto innocui per l’ambiente a differenza dei frigoriferi attuali. “Noi della jazera siamo così: funzionali, perché siamo un gruppo di persone che provengono da varie esperienze radiofoniche, organizzazione di concerti ed eventi nella nostra regione e nella vicina Slovenia; economici, perchè per noi fare radio non equivale a fare soldi. Siamo tanti protofrigoriferi, nascosti nel gelo della nostra cantina, nella quale ci rintaniamo da qualche mese e dove speriamo di rimanere il più a lungo possibile. Sotto il livello del mare, facciamo radio sotterranea da Trieste, ovunque nella rete”.
La radio è aperta a diversi generi musicali, dal rock all’elettronica passando per il funk. Il palinsesto alterna trasmissioni in diretta con dj a musica in rotazione e la radio è interessata a dare spazio anche ad artisti regionali. Infatti sono già on line pezzi dei Ripidi, September 10th, F.R. Luzzi Etoile Filante ed altri, e chi fosse interessato può inviare il suo demo a radio La Jazera. Si tratta di un progetto autofinanziato che non è nemmeno alla ricerca di sponsors ma che ha solo voglia di essere in rete! “Noi crediamo molto nel progetto CREATIVE COMMONS”.  (Si tratta di un’organizzazione no profit dedicata all’espansione della portata delle opere di creatività disponibili per la condivisione e l’utilizzo da parte degli altri e per fornire anche la possibilità di poter costruire, com’è sempre avvenuto prima che si abusasse della legge sul copyright, sul lavoro degli altri nel pieno rispetto delle leggi esistenti. Fonte:Wikipedia) “In poche parole è una specie di forma di registrazione per pubblicare la musica senza doversi per forza iscrivere alla SIAE” continua il collettivo “e questo permette un più facile accesso alla musica in rete”.   L’inaugurazione comincia alle 19:00 con presentazione della web radio ed aperitivo, a seguire festa “cold-boiled” con dj e vj set.
http://WWW.LAJAZERA.NET lajazera@libero.it
Quindi THE GREAT COMPLOTTO RADIO, Sacile-Pordenone: “la nostra è una radio LIBERA, concetto con cui nacquero le prime radio libere in Italia. Vogliamo fare una radio che si occupi principalmente della Scena Alternativa, locale – nazionale – internazionale. Cioè musica e cultura alternativa, indie, insomma non di certo l’ennesima radio commerciale. Il panorama è comunque aperto ad ogni proposta, che rifugga il più possibile il banale e lo scontato. Vorremmo divenire un riferimento per gruppi emergenti di talento che faticano a farsi conoscere e le loro autoproduzioni, e dedicare a questo un parte importante della programmazione”.
Il Great Complotto è stato il mitico movimento, musicale e non, nato alla fine degl’anni 70 a Pordenone. Se vuoi saperne di più, visita l’ottimo www.thegreatcomplotto.it, curato da Steve. Questa radio NON vuole essere incentrata nostalgicamente sul quel periodo, anzi. Ma numerosi collaboratori di questa radio erano membri del GC, e lo spirito spavaldo di quei tempi è lo stesso, con cui abbiamo intrapreso questa avventura.
Grazie alla collaborazione con il MEI e la disponibilità degli amici di AudioCoop quest’anno TGCradio offre una programmazione nei giorni dell’evento dedicata quasi esclusivamente al MEI, con artisti delle etichette indipendente che partecipano alla manifestazione. Abbiamo ricevuto molto materiale dalle etichette presenti al MEI, e ne stiamo ancora ricevendo, in quanto intendiamo programmare anche in futuro una preponderante quota di artisti emergenti ed indipendenti.
Per finire in dolce bellezza ogni serata: CREEPER + ZOSO dj & vj set, a base di rock in tutte le sue varianti, dal punk al metal, dal rock and roll al grunge, passando per i classici della new wave e con qualche punta di ska e reggae.
A questo punto, se venire o non venire è il vostro dubbio amletico, meglio che andiate altrove, no pigne in culo.